Dyscophus Guineti 

Cura, allevamento e riproduzione della rana Dyscophus Guineti (Rana Pomodoro). 

Caratteristiche

La Rana Pomodoro (Dyscophus Guineti) è una rana dalla pelle rossa brillante (da qui il nome Pomodoro), originaria delle regioni settentrionali del Madagascar dove l’umidità va dal 70 al 90 %.

La Rana Pomodoro ha abitudini notturne e fossorie: rimane anche per ore interrata, immobile, nel terreno e nel muschio, ma non disdegna anche acquitrini e paludi. La Dyscophus Guineti non è famosa per la sua agilità, anzi: l’unico modo per procacciarsi grandi quantità di cibo senza sforzo è proprio quella di attendere le prede nascosta nel substrato e catturarle con la lingua simile a quella dei camaleonti.

Si muove poco, è piuttosto statica, ma è un anfibio insaziabile e mangia a qualsiasi ora del giorno. Il maschio, se accarezzato, emette un simpatico suono simile a un trillo. Se spaventata, questa rana tende a gonfiarsi alzandosi sulle zampe posteriori ed emettendo i suono tipici.

Una caratteristica particolare della Rana Pomodoro è la sua pelle: oltre ad essere particolarmente brillante (purtroppo, però, in cattività il colore non sarà così vivo), che avverte potenziali predatori di starle lontano, essa secerne un sostanza irritante e collosa.

È una rana di dimensioni notevoli: la femmina raggiunge i 10 cm, mentre il maschio è di poco più piccolo.

Terrario

Allevare la Rana Pomodoro è piuttosto semplice: il terrario deve essere di tipo terrestre e non eccessivamente spazioso (50 x 40 cm per una coppia sono sufficienti), chiuso per sicurezza, con un substrato sempre umido ma mai troppo bagnato, composto da terriccio, sfagno, fibra di cocco e altri materiali che trattengono bene l’umidità, il tutto per uno spessore di 6 – 8 cm. Ottimi anche cortecce di abete, muschio in abbondanza e pezzi di sughero per creare nascondigli. Una zona acquatica non molto profonda e di facile accesso è necessaria, in modo che la rana potrà bagnarsi a suo piacimento. L’acqua è buona cosa cambiarla ogni due giorni, in quanto la Dyscophus tende a defecarci con conseguente proliferazione di batteri pericolosi. Potranno essere anche aggiunte piante vere che aiutano a mantenere l’ambiente umido. Ottime piante possono essere l’edera e il photos.

Temperatura

Le temperature si aggirano intorno ai 24 – 30° C di giorno e i 18 – 24° C la notte. Il calore può essere fornito con una lampada riscaldante variando i watt e la distanza dal suolo per ricreare la condizione climatica ideale. L’illuminazione non deve superare le 12 ore al giorno e può essere ricreata con l’uso di lampade a UVB.

È buona cosa mantenere l’umidità costante, spruzzando più volte, e quando necessario, con acqua priva di cloro.

Alimentazione

Dyschopus Guineti è una rana che si nutre di insetti. Possono essere offerti grilli, camole e altre larve. È buona cosa spolverare la pappa di integratori minerali – vitaminici (come polvere di calcio e vitamina D3) prima di somministrarla alla nostra rana.

Riproduzione

La Rana Pomodoro si riproduce in zone con acqua ferma, come stagni o acquitrini, durante la stagione delle piogge. Per mimare questo periodo, si può ridurre l’umidità per un periodo di quattro settimane, per poi aumentarla. In questo modo, si può indurre l’anfibio a riprodursi.

Le uova sono deposte in acqua in estate e si schiudono velocemente. I girini possono essere alimentati con il cibo a scaglie per pesci. Dopo un periodo di 6 settimane, la metamorfosi è completata. È indispensabile collocare nella vasca dei girini una rampa, in modo che i piccoli anfibi possano raggiungere la terra ferma. La maturità sessuale viene raggiunta all’anno d’età.

Dyscophus Guineti è una sottospecie della vera Rana Pomodoro Dyscophus Antongilli. Quest’ultima, a differenza della Guineti, è protetta dal CITES e quindi non detenibile. Dyscophus Guineti è in libera vendita.