Ceratophrys

Cura, allevamento e riproduzione della rana Ceratophrys (Rana Pacman).

Caratteristiche

La Ceratophrys, o rana Cornuta, è una grossa rana proveniente dal Sud America. Di aspetto buffo, rotondo, grassoccio, la Ceratophrys è molto diffusa tra i terrariofili e gli appassionati grazie alla sua semplicità di allevamento e gestione.

Di Ceratophrys esistono diverse specie, che si differenziano principalmente per la dimensione, le corna poste sugli occhi (per questo vengono denominate rane cornute), il colore e la zona occupata. Di queste, le più note e commercializzate sono: C. Cornuta, C. Cranwelli, C. Ornata, C. Aurita. Esistono poi ibridi ottenuti dagli incroci tra le varie specie, al fine di ottenere clorazioni particolari e accattivanti.

La Ceratophrys è una rana molto territoriale e aggressiva: se infastidita e spaventata, può morsicare l’aggressore. La grossa bocca le ha conferito il nomignolo simpatico di rana Pacman, perché ricorda appunto il famoso videogioco.

Terrario

È una rana statica, che si muove poco, con abitudini prettamente fossorie: ama scavare con le robuste zampe nella terra umida e tra il fogliame, alla ricerca di un riparo. È quindi opportuno, se volete prendervi cura di una Ceratophrys, allestire il terrario con foglie secche sterilizzate in microonde, muschio ben pulito, rami e altri ripari, dove la rana potrà nascondersi per dormire. Niente piante vere: amando scavare, questa rana le distruggerà… optate piuttosto per piante artificiali, se volte donare colore al vostro terrario. Il substrato dovrà essere bello profondo in modo che possa scavare (8 – 10 cm) composto da torba di sfagno e fibra di cocco, sempre ben umido, ma mai fradicio. Una vaschetta d’acqua non troppo profonda è sempre necessaria, sia per l’animale che per favorire l’umidità dell’ambiente. Le dimensioni del terrario dovranno essere adeguate a quelle della vostra rana. Solitamente, un 40 x 40 x 40 cm in altezza è la misura minima, nonostante non siano rane particolarmente attive, tutt’altro. Badare bene all’altezza del terrario, calcolando che la Ceratophrys vuole molto substrato! Potete anche optare per una vasca di plastica alla quale sono stati fatti opportuni fori di aerazione isolati con retina a maglia fine. Il coperchio, nonostante non sia una rana saltatrice, è preferibile adottarlo, soprattutto se in casa si hanno altri animali che potrebbero interessarsi alla vostra rana. Non servono particolari accorgimenti per l’allevamento della Ceratophrys, se non le solite prassi di igiene: il substrato deve essere pulito ogni 3-4 settimane (dipende anche dalla dimensione della vostra rana, quanto sporca) e le feci, se individuate, vanno eliminate. L’acqua deve essere sempre pulita, mai fredda, priva di cloro e altri metalli pesanti. Un sottovaso o una vaschetta bassa possono andar bene: la Ceratophrys non ha abilità da grande nuotatrice e un livello troppo alto di acqua potrebbe essere pericoloso con rischi di annegamento.

Temperatura

La temperatura dovrà essere intorno ai 28-30 °C di giorno, con una lieve diminuzione di notte. Ama il caldo, l’umidità. Per favorire una temperatura stabile tutto l’anno, se non volete mandare in letargo la Ceratophrys, potete optare per un tappetino riscaldante posto sulla parete all’esterno, per metà terrario, controllato da un termostato. Prestate comunque particolarmente attenzione, perché va continuamente monitorato. Ancora meglio un cavetto riscaldante attaccato sempre all’esterno per metà terrario, in modo da formare una serpentina; anche questo comunque sempre attaccato a un termostato dal quale potete regolare la temperatura.

A temperature intorno i 20 ° C il metabolismo della rana diminuisce, con conseguente perdita dell’appetito. In inverno, bisogna anche diminuire l’umidità del terrario, in modo da riprodurre la stagione secca.

Alimentazione

La Ceratophrys è una rana molto famelica e ingorda. Mangerebbe tutto il giorno se ne avesse la possibilità. È una rana che rischia di diventare obesa, e l’obesità comporta gravi complicazioni del fegato e di altri organi.

I piccoli di Ceratophrys possono essere alimentati tutti i giorni con grilli di opportuna taglia, tarme della farina e, sporadicamente, camole del miele. Le camole del miele sono un alimento molto grasso da somministrare massimo una volta ogni 1-2 settimane. Man mano che la Ceratophrys cresce, dovrete diminuirle la frequenza con cui le somministrate il cibo. I sub adulti di 6 mesi andranno nutriti 2 – 3 volte alla settimana, con latterini, grilli, kaimani, tarme della farina, camole del miele e pinki (le camole ancora sporadicamente, i pinki una volta al mese, per evitare complicazioni). Una volta adulte, le rane Ceratphrys possono essere nutrite anche 1 volta alla settimana, o ogni due settimane. I pinki, i topi appena nati, non vanno dati se non una volta al mese. Per somministrare il cibo, potete usare delle pinzette con le quali afferrate la preda e la muovete lentamente davanti al muso della rana, in modo che la veda. Se notate che la vostra rana non apprezza questo vostro gesto, o è troppo timida, potete lasciare il cibo davanti a lei, o in una ciotola.

Riproduzione

Riprodurre la Ceratophrys non è affatto semplice, in quanto sono rane tendenti al cannibalismo e l’esemplare di taglia più importante a volte può cibarsi di quella di taglia inferiore.

Il dismorfismo sessuale non è molto accennato. Come per la maggior parte delle rane, le femmine di Ceratophrys sono più grosse dei maschi, mentre quest’ultimi, nella stagione degli accoppiamenti, presentano un callo scuro sul dito più interno delle zampe anteriori, detto callo nuziale. Per agevolare la riproduzione, si tende ad abbassare la temperatura intorno ai 18-20 °C, con un tasso di umidità molto basso, di circa 70 %. Il periodo di luce, inoltre sarà ridotto di qualche ora. Dopo circa un mese e mezzo di riposo sotto terra, si deve alzare gradualmente la temperatura (nell’arco di una settimana) fino ai valori iniziali. Le rane saranno quindi pronte alla riproduzione, aiutate anche con la simulazione della stagione delle piogge, ricorrendo alla pioggia artificiale. L’accoppiamento avviene in acqua. I girini di Ceratophrys sono molto voraci e si sviluppano rapidamente: nell’arco di poche settimane raggiungono lo stadio adulto.

La Ceratophrys non è elencata nel CITES, perciò è in libera vendita.